Aaron Gigolò- Roma roma
2258
Categoria : Generali
Provincia : Roma
Orari di apertura
  • Lunedì :H24
  • Martedì :H24
  • Mercoledì :H24
  • Giovedì :H24
  • Venerdì :H24
  • Sabato :H24
  • Domenica :H24

AARON GIGOLÒ- ROMA

Come sei diventato gigolo? Cosa ti ha portato a intraprendere questo viaggio? Perché lo fai? Ho deciso di scrivere una mia piccola biografia per rispondere a queste domande che frequentemente mi vengono poste da clienti o da aspiranti gigolò e cercherò di raccontarmi con il cuore anche se non è facile. Nella mia vita prima di essere un accompagnatore facevo altro, ho sempre lavorato, sono passato da commesso a pasticcere. La pasticceria è la mia piu grande passione ,insieme alle donne, trovo che cucinare è sesso allo stato puro dove tutti i sensi sono esaltati. Da adolescente avevo un approccio solamente sessuale con la donna, come tutti i ragazzini di 17/18 anni alle prime esperienze il sesso lo vivi in modo curioso e selvaggio, crescendo poi imparai ad apprezzare il sesso in modo diverso imparai ad ascoltare le donne sia quelle con le quali uscivo sia le mie amiche e capii tante cose; capii che nonostante le donne non mi mancassero non erano mai veramente mie perchè a differenza degli uomini a loro non basta il bel ragazzo o il ragazzo prestante quello va bene per una serata loro vogliono di più, vogliono vivere un sogno, vogliono sentirsi vive. Imparai che se volevo fare mia veramente una donna prima dovevo fare sesso con la sua mente e poi con il suo corpo! Beh crescendo devo dire che questo mi riuscì veramente bene e mi piaceva mi piaceva entrare ”dentro” nella loro testa, nei loro pensieri, mi piaceva sentirle veramente mie e la cosa appagava sia me che loro e anche il sesso migliorò tantissimo imparai a giocare con loro stare dentro una donna fermo, immobile e guardarla sussurrandogli parole all’orecchio in modo sensuale è una cosa pazzesca che crea un’empatia pazzesca! Ma quello che mi piace veramente e ho capito piacere tanto anche alle donne, è tutto quello che precede il sesso, lo sguardo accattivante, la parola sexy le mani che si sfiorano. Ma come sono diventato gigolo? Un giorno a lavoro parlavo con una mia collega le raccontavo che volevo arrotondare un po lo stipendio trovandomi un altro lavoretto part time, avevo appena preso una casa in affitto e avevo diverse spese; si avvicinó una cliente incuriosita dal discorso, una bella donna sulla 40ina molto elegante e mi disse: <> gli risposi che la cosa mi interessava e gli lasciai il mio numero per parlarne meglio di persona. Mi contattò dopo circa due o tre giorni e mi disse se potevamo vederci per un aperitivo e per parlare di questo lavoro! l incontro avvenne ad un normalissimo pub ordinammo due prosecchi e parlammo del piu e del meno, mi stava studiando lo capivo da come mi guardava, mi propose di cenare insieme visto l’orario e io accettai volentieri! La serata era molto piacevole parlammo di tutto mi racconto delle difficoltà con il marito, un marito distratto e poco presente sopratutto sotto le coperte, mi racconto che non faceva l’amore con lui da piu di un anno! Mi piaceva molto parlare con lei, ma piu passava il tempo e piu mi domandavo, ma non doveva propormi un lavoro? Lei si accorse della mia faccia perplessa e mi disse: <> ero sempre piu incuriosito e gli domandai: <> Lei accennò un sorriso e rispose”decisamente si” ! Mi raccontò che da un anno contattava dei gigolo su internet, ma che non erano stati incontri soddisfacenti, perché o dal vivo erano differenti rispetto alla foto o perchè non si creava la giusta atmosfera, mi disse che però la cosa di pagare un uomo le piaceva, la eccitava e mi propose dei soldi per passare la cena e il dopocena con lei. Io non volevo crederci il mio cuore batteva all’impazzata, diedi un sorso di vino e continuai a guardarla era veramente sexy e la cosa mi intrigava. Mi alzai e mi scusai e andai in bagno dovevo restare un attimo da solo non capita tutti i giorni che una donna mi offra dei soldi per avere la mia compagnia, mi sciacquai il viso, il vino mi gonfiava le vene forse avevo bevuto troppo, mi guardai allo specchio ero contento della mia vita, ma sentivo che mancava qualcosa e se questa fosse la mia strada? Quel brivido che cercavo? Per la prima volta davanti quello specchio vidi Aaron e capii che lui era sempre stato li in un angolo della mia anima e adesso aveva voglia di uscire di mostrarsi al mondo, mi asciugai il volto tornai al tavolo la guardai, la baciai, un bacio passionale sentito lo voleva lei quanto io e gli dissi ANDIAMO ; ci diressimo alla mia macchina il cuore non batteva piu forte ero piuttosto tranquillo e rilassato, andammo a casa sua entrammo in casa e….. beh un gentleman non racconta i particolari se sei arrivata fin qui e ti ho incuriosito contattami! Questa è la mia storia questa è la mia vita, cosi è nato Aaron..


CONTATTI

Cell: +39 333 40 64 184
Web: aarongigolo.it

Related Listings